#SHERATONWINETRAVEL: IL VINO E' IL VIAGGIO... IN ABRUZZO

7:20 AM

SWT_19

#SheratonWineTravel: il vino è il viaggio... il bicchiere il suo mezzo. Mi sono chiesta, con curiosità sempre più pungente, cosa potesse riservare un evento simile, apparentemente dedicato a una rassegna enogastronomica, a un personaggio come me. Chi infatti conosce di persona la sottoscritta, si è già sbizzarrito a diagnosticare con goliardia i  peggiori malanni che potessero affliggere la mia persona, quando, nel momento di riempire il calice, arrivava puntualmente un cenno di diniego. “Sono astemia”. Avessi un penny per tutte le volte che l’ho detto, come esordiva tra gli altri Terry Pratchett… sapete tutti come finisce questa storia.
A parte il mio gusto per cose apparentemente inconciliabili tra loro, c’era una cosa che non avevo calcolato: il calore delle persone, ben diverso da quello emanato dai fornelli, il piacere di condividere una passione comune, la meraviglia di scoprire come tutti fossimo uniti da sentimenti che non intrecciano trame esclusivamente virtuali.
Ecco perché ho potuto apprezzare un momento davvero unico lo scorso 27 febbraio presso il ristorante Il Canneto dello Sheraton Hotel, sito in Malpensa. Non saprò mai trovare le parole adeguate per trasmettervi quanto mi sono sentita fortunata nell’aver potuto conoscere Carlo Vischi, a cui debbo l’onore di essere stata invitata a questa serata, e un ringraziamento profondo per averla potuta condividere con persone stupende.


#SheratonWineTravel: il vino è il viaggio… il bicchiere il suo mezzo. I wondered out of curiosity, how a wine-tasting event could ever satisfy someone like me? As you may know, I’m a teetotal girl. You got it, I’m that one sitting in a corner, pointed out by friends and strangers as someone who got a problem. Or a terrible disease. Because when time has come to fill up the wine glass, I’m always on time warning, “What are you doing?! Not for me”. If I had a penny for everytime I’d say it, as, among others, Terry Pratchett used to say, well… you all know how the story ends.
Despite of my taste for conflictual attitudes, I realized I didn’t consider the most important thing that evening: people’s warmth, something deeply different from the heat of cookers. It was a pleasant time to share a passion in common, as well as it was amazing to meet people brought together by concrete feelings, not only by virtual networking.
That’s why I particularly appreciated this unique event on the 27th of February at Il Canneto Restaurant into Sheraton Hotel Malpensa. I can’t simply find proper words to tell you how lucky I felt to meet Carlo Vischi, who invited me to spend an amazing night together with really special people. I really have to thank him from the deep of my heart.




SWT_01 SWT_03 SWT_02 SWT SWT_04 SWT_12 SWT_14 SWT_11

Sotto la diligente cura dello Chef Executive Enrico Fiorentin, lo Sheraton Hotel è stato adornato di piccoli capolavori d’arte culinaria, dove nemmeno la più piccola spezia è stata lasciata al caso. Ho passato più tempo ad ammirare queste creazioni certosine, indecisa quale assaggiare per prima, per non rovinare quella perfetta sinfonia che lo Chef Fiorentin e la sua squadra, tra cui i sous-chef Carlo Molon e Roberto Caruso, hanno composto tra cromie e sapori, che al tavolo, dove la cena sarebbe stata servita. Troppa l’emozione di capire in che proporzione e con quale precisione tutto sia stato sapientemente orchestrato, e trasportata da una vivacità quasi infantile.


The Chef Executive Enrico Fiorentin showed his skillful workmanship decorating the Sheraton Hotel restaurant rooms with little masterpieces of culinary art. Not even the tiniest spice was placed by chance. I spent most of my time staring at these delicate manoeuvring creations in admiration, hesitating, unsure of which one picking at first. I didn’t want to spoil the perfect symphony of colours and tastes orchestrated by Chef Fiorentin together with his team, the sous-chefs Carlo Molon and Roberto Caruso. I was thrilled as a child, eager to know how everything was set up and resulted peferctly maching.

SWT_24 SWT_18 SWT_16 SWT_15 SWT_26 SWT_23 SWT_25 SWT_06 SWT_22

La serata ha avuto il suo apice nello show-cooking dove si sono esibiti lo Chef Arcangelo Tinari, giovanissima promessa del ristorante Villa Maiella d’Abruzzo, terra che per quanto riguarda la tavola non delude davvero mai, insieme a all’autentica rivelazione della serata. Sto parlando di Marco Ricci, blogger e appassionato fashionista che nel suo blog Secondo Me è riuscito a coniugare due temi che mi sono sempre stati profondamente a cuore: moda e cucina.
Infatti sono sempre stata convinta sostenitrice che foglie d’insalata e gambi di sedano, per quanto necessari, non siano davvero abbastanza per una dieta sana ed appagante.
Insieme a tutti i blogger presenti è stato quindi naturale deliziarsi con pietanze e vini come Cerasuolo d’Abruzzo unito al Chiaretto della Valtenesi, i due protagonisti che hanno accompagnato i piatti della tradizione abruzzese rivistata dal talento degli chef che si sono esibiti in questa serata indimenticabile.
Fra le tante creazioni viste durante la serata, sono rimasta particolarmente colpita dalla purea di patata novella servita su un giaciglio di fonduta aromatizzata all’aglio rosso, caro allo Chef Tinari, mentre una menzione d’onore meritano i soqquadri con sugo alle pallottine di manzo presentati dallo Chef per una Notte Marco Ricci. La semplicità disarmante di un sugo che si lega solitamente alla chitarrina, un formato di pasta realizzata a mano tipico delle terre abruzzesi, racchiude in sé tutto il gusto della cucina casereccia, senza prorompere dagli argini di un gusto raffinato che mi ha letteralmente conquistata.


The show-cooking exhibition of the Chef Arcangelo Tinari, a very young and promising chef from Villa Maiella Restaurant in Abruzzo, together with the authentic revelation guy of the event, was the hot topic of the evening. I’m talking about Marco Ricci, blogger and passionate fashionista who succeded melting two of my favourite topics on his blog Secondo Me: fashion and food. I’m a strong supporter of Italian cooking, as I’m sure that salad and celery, though necessary veggy food, are not enough to define a proper and satisfying diet.
Together with all the bloggers reunited for the event, we reveled in the dishes and glasses of wine, as Cerasuolo d’Abruzzo and Chiaretto of Valtesi, two main characters which accompanied our journey through the traditional abruzzese cooking revisited by the talented chefs’ exhibitions during this unforgettable evening.
I particularly appreciated, among all the cooking creations we enjoyed during the evening, a mashed potato on a cheese fondue flavoured by red garlic, a Chef's Tinari creation served in a glass cup. My honorable mention goes to “soqquadri” pasta with tiny meatball sauce cooked by our Chef of the Comedy Marco Ricci. The simplicity of this sauce, a typical relish of abruzzese homemade pasta, was the best example of traditional yet refined Italian cooking. I literally loved it.
SWT_27 SWT_28 SWT_31 SWT_29 SWT_32 SWT_33 SWT_36 SWT_17 SWT_30
SWT_35


Ovviamente non potevo che farmi riconoscere nel momento dedicato ai dolci. Il prezioso calice che riservo sempre alle serate di un certo spessore stavolta è stato riempito da una bottiglia di Inchino, un prodotto dell’azienda agricola La Guarda. Si tratta di un vino Groppello Chinato, che esprime al meglio le sue qualità organolettiche se accompagnato… dal cioccolato. Beh, un vino accostato al mio dolce preferito non poteva passare inosservato!
Il tutto è stato reso infinitamente piacevole dalla presenza di persone a cui mi sono sentita subito vicina, per la passione che quotidianamente nutrono per blog e buona tavola, come Alessia Bianchi di Le Dolcezze di Nonna Papera e Valentina Masotti di Ricette e Racconti.
Inoltre, come potete vedere, conservo un bellissimo scatto insieme a Anna Fracassi de L’Ennesimoblogdicucina, Fabrizio Stoppa di Foodeskine e Monica Bergomi de La Luna Sul Cucchiaio. Amici che hanno saputo scaldare una serata davvero perfetta.


I’m always in the spotlight when it’s time to serve desserts. The precious wine glass I usually reserve for very special moments has been filled with an Inchino wine bottle, produced by La Guarda farm. It is a “Groppello Chinato” grape and it expresses its organoleptic characteristics best… if served with chocolate. A wine dedicated to my favourite sweet dish, I couldn’t be more happy! In the end, everything was more and more pleasant thanks to people who attended this special event, with whom I felt an immediate empathy, as their daily passionate work on blogging and food was their peculiar characteristics. People like Alessia Bianchi of Le Dolcezze di Nonna Papera and Valentina Masotti of Ricette e Racconti; I keep also a beautiful shot together with Anna Fracassi of L’Ennesimoblogdicucina, Fabrizio Stoppa of Foodeskine and Monica Bergomi of La Luna Sul Cucchiaio. Friends, you really know how to create the best intimate atmosphere for a perfect dinner!

SWT_05 SWT_09 SWT_10 SWT_37 SWT_08 SWT_34 SWT_38 SWT_20 SWT_39

Photo credits: LUCIA CAL
SIMONE IADANZA



DINNER OUT:
 SO SUSHI in TURIN
CASTELLO DI MOMBELLO at the LAKE



FIND ME ON


You Might Also Like

2 commenti

  1. bellissima serata davvero!!!! a presto
    Bellissime le tue foto! ;)

    ReplyDelete
  2. Che meravigliosa squadra! Tutto sembra estremamente delizioso!

    ReplyDelete

Like us on Facebook

Twitter Posts